Eur spa, i lavoratori protestano sotto al mef: “No ai licenziamenti”

ROMA - "No licenziamenti, ricapitalizzare Eur spa". Dietro questo striscione circa un'ottantina di lavoratori di Eur Spa sta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “No licenziamenti, ricapitalizzare Eur spa”. Dietro questo striscione circa un’ottantina di lavoratori di Eur Spa sta protestando sotto la sede del ministero delle Finanze (socio di maggioranza della società al 90%, il restante 10 e’ di Roma Capitale), contro la vendita di una parte degli immobili di proprietà, il cui incasso consentirebbe di saldare i debiti con le banche (170 milioni) e di conclude i lavori de La Nuvola (130 milioni). Ma la cessione di questi asset (tra i tre e i cinque) comporterebbe anche una rivisitazione della pianta organica, attualmente di 138 lavoratori, che da oltre un mese hanno iniziato a manifestare per chiedere, soprattutto al Mef, di mantenere l’impegno di ricapitalizzare la società per 130 milioni. Questo permetterebbe di terminare i lavori della Nuvola (insieme ad altri 37 milioni promessi nel 2013 dal Mef, ma non ancora sbloccati, che servirebbero per pagare vecchi debiti con l’appaltatore), di non vendere i palazzi e quindi di non intervenire sui lavoratori.

I sindacati, rappresentati dalla Fp Cgil, con il segretario di Roma e Lazio Natale Di Cola, dalla Cisl Fp Lazio, con Andrea Ladogana, capodipartimento della Funzione Pubblica di Roma e Lazio, e Maurizio Narcisi, segretario regionale della Uilpa, saranno ricevuti da un esponente del ministero.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»