hamburger menu

Parlamento Ue condanna violazioni dei diritti umani in Myanmar e Azerbaigian

Risoluzione anche contro violenze su giornalisti e attivisti

10/03/2022

di Alessio Pisanò

BRUXELLES – Con 646 voti favorevoli, uno contrario e 20 astenuti il Parlamento europeo ha condannato le iniziative del regime in Myanmar a più di un anno dal colpo di Stato del primo febbraio 2020, in virtù delle azioni violente sulla popolazione, quali uccisioni di massa e sfruttamento. Il voto sulla risoluzione giunge dopo il dibattito dell’Eurocamera riunita a Strasburgo sulle violazioni di diritti umani in vari teatri internazionali.

Con altre due risoluzioni gli eurodeputati hanno condannato le violenze, gli omicidi e le molestie contro i giornalisti e i difensori dei diritti umani – testo approvato con 607 voti a favore, due contrari e 70 astenuti – e la politica statale e sistematica di ‘armenofobia’ praticata in Azerbaigian, che continua a negare e ad eliminare il patrimonio culturale armeno intorno al Nagorno-Karabakh. Gli europarlamentari hanno approvato la risoluzione con 635 voti a favore, 2 contrari e 42 astenuti.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-10T18:51:33+02:00