Socialness, il digital marketing al servizio delle aziende locali

Parla uno dei fondatori: "Cerchiamo 19 nuove risorse"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Socialness, fondata nel 2016 da Tino Bassu e Domenico Mancuso, è una realtà che conta oggi oltre 30 collaboratori e 700 clienti serviti, ed è tra le poche marketing agency italiane inserite nell’Optimal Program di Facebook.

IL SISTEMA SOCIALNESS


“Socialness- spiega Bassu- è un’agenzia di marketing fondata nel 2016 insieme al mio socio Domenico Mancuso. La sede centrale della società si trova a Olbia. Abbiamo anche un ulteriore presidio a Milano, ma di fatto disponiamo di una rete capillare di esperti in marketing digitale sparsi per varie zone d’Italia. La nostra mission è quella di fornire il sistema ‘Socialness’, un sistema di marketing per aziende locali collaudato con successo su 700 attività italiane e straniere. Attraverso questo sistema offriamo determinati servizi all’impresa: la generazione di nuovi clienti e la loro fidelizzazione, lo sviluppo e il potenziamento del brand a livello locale e il monitoraggio dei numeri che è sempre a disposizione dell’imprenditore e che gli consente di aderire a uno specifico piano di marketing digitale. Il sistema ‘Socialness’, dunque, è un percorso che dura 12 mesi, un anno in cui un nostro esperto segue l’imprenditore come un personal trainer. Ci rivolgiamo essenzialmente ai franchising che ci consentono poi di valorizzare i brand a livello locale”.

L’IMPORTANZA DEL MARKETING DIGITALE DURANTE LA PANDEMIA


Secondo Bassu il marketing digitale non deve essere solo perseguito dalle grandi multinazionali ma anche da realtà imprenditoriali più piccole e legate al territorio. L’obiettivo cardine di un’azienda deve essere quello di fidelizzare il cliente, facendogli venire voglia di tornare in una determinata attività. Questo scopo, ad avviso del fondatore di Socialness, può essere perseguito grazie a una relazione che deve instaurarsi tra imprenditore e cliente. “Investire nel marketing digitale è senza dubbio una questione di budget ma non solo. Il più delle volte gli imprenditori locali non ci investono perché non conoscono i benefici. La pandemia ha fatto crescere l’esigenza di dover pensare a nuove forme di comunicazione per acquisire nuovi potenziali clienti e per mantenere intatto il legame con loro. Col covid abbiamo aiutato aziende che hanno raggiunto clienti con strumenti di marketing. Parliamo di centri estetici o parrucchieri che hanno lo strumento della video-consulenza per mantenere i rapporti con la clientela. Strumenti di marketing digitale che hanno permesso a piccole attività di non perdere contatto con la realtà”.

SOCIALNESS CERCA 19 NUOVE RISORSE


“Attualmente- dice Bassu- abbiamo circa 30 collaboratori. Abbiamo bisogno di espandere ulteriormente la nostra attività. Per questo cerchiamo 19 nuove risorse da inserire nel nostro organigramma e precisamente cinque sales account per la sede di Milano, un sales account digitale, quattro consulenti di marketing, una figura di alto profilo per il marketing interno, un traffic manager, quattro social editor, un web editor, un responsabile e un operatore di contact center”. Il 15 marzo Socialness organizza un evento online che ha l’obiettivo di informare gli imprenditori locali in materia di marketing digitale, sensibilizzandoli all’uso. Per accedere all’iniziativa è necessario registrarsi al seguente link https://bit.ly/3uvoDrU.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»