Tg Riabilitazione, edizione del 10 marzo 2021

In questa edizione si parla di Ido e 'modello Derbbi', pet therapy, obesità, sms solidali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CORSO IDO-MITE SU MODELLO DERBBI: 20 ANNI DI ESPERIENZA

Diciannove articoli scientifici pubblicati su riviste internazionali negli ultimi 10 anni, due corsi per docenti con 6.500 iscritti e un corso già rivolto a 2.000 pediatri. Questi numeri spiegano e raccontano i successi che l’IdO ha raggiunto nel trattamento dei bambini con disturbi dello spettro autistico anche grazie alla collaborazione di società scientifiche quali la Sip e il Sispe, nonché il coinvolgimento di tante scuole materne e dell’Infanzia della Penisola. Un lavoro basato sullo sviluppo del primo approccio evolutivo a mediazione corporea DERBBI, denominato Tartaruga per sottolineare il lento percorso di miglioramento senza dare false aspettative ai genitori, che l’Ido implementa da oltre 20 anni in Italia e non solo. Adesso tutta questa esperienza viene messa gratuitamente a disposizione di genitori e operatori del settore grazie al nuovo corso online, promosso insieme alla Fondazione MITE e con il patrocinio della Sip, su ‘Autismo, progetto riabilitativo Tartaruga-DERBBI’ che partirà sabato 13 marzo.

LAZIO, PROPOSTA LEGGE SU PET THERAPY: SUPERARE VECCHIE NORME


Nel Lazio è stato presentato un nuovo progetto di legge sulla ‘Pet therapy’ che “ha l’intento di superare il vecchio impianto normativo. La mia proposta ha lo scopo di ‘certificare’ questo settore, che spesso rimane escluso dai sostegni economici regionali. Occorre, dunque, un nuovo quadro di regole che sia di supporto per gli operatori che rendono possibile l’esecuzione dei percorsi riabilitativi e terapeutici che riguardano in gran parte delle circostanze persone fragili che, grazie alla ‘Pet therapy’, riescono ad affrontare meglio il proprio percorso di cura” ha spiegato la prima firmataria della proposta di legge, la consigliera regionale Valentina Grippo.

OBESITÀ, RIABILITAZIONE NECESSARIA POST INTERVENTO CHIRURGICO


L’obesità è una malattia severa che colpisce sempre di più anche i giovanissimi, con conseguenze sulla durata e qualità della vita molto importanti. Dell’entità del problema in Italia, dello stigma che ne deriva ma anche delle terapie chirurgiche in grado di risolvere il problema nei grandi obesi, e del ruolo fondamentale che svolge la riabilitazione post intervento, l’agenzia di stampa Dire ha parlato con il professor Paolo Gentileschi, direttore del Dipartimento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica dell’ospedale San Carlo di Nancy di Roma.

SMS SOLIDALI PER CURE E RIABILITAZIONE BIMBI CAMERUN


Sms solidali per garantire cure mediche, accoglienza e supporto scolastico ai bambini disabili del Camerun, Paese in cui oltre il 23% delle persone con età compresa tra i 2 e i 9 anni lotta ogni giorno con almeno una forma di disabilità spesso legata alle conseguenze di malattie infettive come la polio, la malaria, la lebbra o il morbillo. Per questo l’organizzazione umanitaria Dokita lancia la campagna ‘Tutti uguali’: per supportarla bisogna inviare un sms o fare una chiamata da rete fissa al numero solidale 45580 entro il 28 marzo. I progetti su questo territorio sono volti ad offrire supporto integrale ai disabili, offrendo loro servizi di assistenza e di cura della persona, ma anche di empowerment, affinchè possano partecipare attivamente alla vita sociale. Per raggiungere questo obiettivo, Dokita ha dato vita anche a corsi di formazione per la realizzazione di protesi e ortesi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»