Coronavirus, la Consigliera Nazionale di Parità: “Da donne idee con nuove tecnologie”

Cipriani: "Sono operative rispettando le regole dell'emergenza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Soltanto ieri sera, mentre venivano annunciate dal governo le nuove limitazioni per il coronavirus, ho ricevuto tre proposte, rispettivamente dalle Marche, dalla Toscana e una proprio da Roma, di donne straordinarie che, pur rispettando le regole dovute all’emergenza, non hanno rinunciato ad essere operative, a fare e a comunicare tra di loro”. A parlare con l’agenzia Dire di questo fermento femminile, ricco di idee e di un approccio positivo nonostante il clima austero, e’ la Consigliera Nazionale di Parita’, Franca Cipriani che, per la funzione che riveste e il lavoro che svolge, ha un collegamento continuo e “ramificato su tutto il territorio nazionale con organizzazioni e associazioni di donne”.

LEGGI ANCHE: Milano e il coronavirus, il risveglio sulla scena del delitto

“Leggere un libro e’ bellissimo- ha detto la Consigliera- ma non puo’ bastare e queste donne hanno deciso di comunicare, mantenere le loro relazioni e chi aveva dei progetti si e’ affidata alle nuove tecnologie, anche coloro che erano le ‘meno informatiche'”. Cosi’ e’ diventato “online l’incontro per parlare delle molestie sul luogo di lavoro, altri sui temi che seguiamo di solito, ma anche il corso di yoga”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Follia supermercati, l’appello: “Non correte a fare la spesa, non ha senso e violate il decreto”

La Consigliera Cipriani ha voluto proprio mettere l’accento sulla capacita’ di queste donne che le hanno scritto, segnalato proposte o descritto le loro esperienze, di sopportare questa “sensazione avvilente dei tanti progetti in cantiere purtroppo fermi” e di saperla trasformare “in un nuovo approccio che rende anche meno schiavi” della routine consolidata. Dall’emergenza queste donne hanno tirato fuori “un forte senso pratico e persino, da parte di quante non erano bravissime con l’informatica, è stato accelerato un avanzamento con le tecnologie, è stato fatto un vero e proprio scatto in avanti”. Un capitale di forza e positivita’ di queste donne che la Consigliera ha descritto con ammirazione e speranza, quel “senso pratico di capire come fare e come esserci” nonostante le emergenze, la vita stravolta e i rischi.

 
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»