Coronavirus, è morto il consigliere di Piacenza Nelio Pavesi

Sindaca Barbieri: "Doti umane, competenza e amore per la musica"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “La scomparsa di Nelio Pavesi ci lascia attoniti, profondamente scossi. Oggi piangiamo non solo una figura istituzionale stimata per il suo impegno politico e culturale, ma un amico che ha sempre avuto il coraggio di essere trasparente e onesto nell’esprimere il proprio pensiero, leale e coerente nel difendere le sue idee”. Così la sindaca di Piacenza, Patrizia Barbieri, dà voce alla Giunta e al Consiglio comunale, ricordando il consigliere della Lega, Nelio Pavesi, scomparso a seguito di alcune complicanze legate al Coronavirus.

CHI ERA NELIO PAVESI

Barbieri ricorda Pavesi non solo come consigliere, ma anche “come docente in diverse scuole di città e provincia, nonché al conservatorio Nicolini”. Parla delle sue “doti umane, la competenza e l’amore per la musica, che lo ha accompagnato costantemente anche nella sua lunga e preziosa attività politica. In questi anni, Nelio si è speso con generosità e passione per promuovere e valorizzare il patrimonio culturale e artistico del nostro territorio, animato da una fervida volontà di lavorare per il bene comune”. Immediato anche il cordoglio della Lega e della senatrice Lucia Borgonzoni. Pavesi ha “una lunga storia di tante battaglie alle spalle. Una di queste battaglie, quella contro il coronavirus, ci vede oggi tutti impegnati ed è anche per Nelio che la porteremo avanti, con massimo senso di responsabilità, e la vogliamo vincere”. Di lui “ci rimarranno i suoi insegnamenti, la sua simpatia, il suo impegno e il suo amore per Piacenza, per la quale si è sempre battuto dai banchi del Consiglio comunale”, aggiunge Matteo Rancan, a nome di tutto il gruppo della Lega in Emilia-Romagna.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»