Tutti in spiaggia nonostante il coronavirus? A Cervia i bagnini ‘chiudono’

La Cooperativa bagnini di Cervia ha chiesto a tutti i 200 imprenditori balneari associati di sospendere ogni attività di bar e di ristorazione fino al 2 aprile
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

CERVIA (Ravenna) – Spiaggie chiuse a Cervia in provincia di Ravenna. La Cooperativa bagnini di Cervia chiede infatti ufficialmente a tutti i 200 imprenditori balneari associati di sospendere ogni attività di bar e di ristorazione fino a giovedì 2 aprile “per attenersi con scrupolo, rigore e senso civico alle disposizioni fornite dalle istituzioni che in questi giorni d’emergenza vedono il coronavirus avanzare nella sua diffusione”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, la Lombardia pensa alla chiusura totale: cresce l’idea della serrata come a Hong Kong

La decisione è stata presa dal consiglio di amministrazione straordinario di ieri sera, subito dopo le ultime decisioni del governo ed è “successiva anche alla presa di coscienza di un afflusso massiccio, domenica, dei turisti sulle spiagge cervesi. Siamo certi- sottolinea la Cooperativa- che tutti quanti aderiranno rafforzando il valore della responsabilità sociale, della coesione e del rispetto per le istituzioni che contraddistingue i nostri imprenditori”.

Da qui anche l’appello a “tutti gli amici e ai turisti delle spiagge di Cervia, di non spostarsi per poi potersi rincontrare proprio sulla riva del mare di Cervia, Milano Marittima, Pinarella e Tagliata.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»