VIDEO | Coronavirus, il virologo Pregliasco: “Il ‘contatto stretto’ è sotto i 2 metri”

Il virologo Fabrizio Pregliasco, dell’Università Statale di Milano e direttore scientifico dell’Irccs ‘Galeazzi’, spiega cosa si intende per contatto stretto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Che cosa si intende per ‘contatto stretto‘ in questi giorni di Coronavirus? Lo spiega il virologo Fabrizio Pregliasco, dell’Università Statale di Milano e direttore scientifico dell’Irccs ‘Galeazzi’, nel video diffuso dal consiglio regionale della Lombardia. “Il Centro Europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie definisce contatto stretto una persona che vive nella stessa casa di un caso di COVID -19 (Coronavirus), una persona che ha avuto contatto diretto, faccia a faccia, con un caso di COVID-19 a distanza minore di due metri e di durata maggiore a 15 minuti- dichiara Pregliasco nel video- Un operatore o un’altra persona che fornisce assistenza diretta a un caso di CODIV-19, oppure personale di laboratorio addetto alla manipolazione di campioni di un caso di COVID- 19 senza l’impiego di dispositivi di protezione individuale idonei”.

#Coronavirus
Cosa significa contatto stretto? Ce lo spiega in questo video il Dottor Fabrizio Pregliasco, Virologo dell’Università degli Studi di Milano e Direttore Sanitario IRCCS Galeazzi.

Guarda tutte le risposte qui: https://t.co/bkwxA21Xtb pic.twitter.com/9SOzEknvnz

— Regione Lombardia (@RegLombardia) March 9, 2020

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»