Mobilità, Groupama riceve il premio per il mobility managment

ROMA - Groupama assicurazioni, da sempre vicina alla
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Groupama assicurazioni, da sempre vicina alla iniziative legate al tema della green sustainability, è stata premiata da Roma Capitale per essere tra le aziende più virtuose per le politiche promosse in ambito di mobilità. Nello specifico la compagnia si è distinta per la maggiore offerta di servizi navetta aziendale in termini di vetture per chilometro in rapporto al numero di dipendenti. Tra i vincitori nelle altre categorie ricordiamo Sogei, Terna, Banca D’Italia, l’Università Roma Tre e il ministero dell’Economia e delle Finanze.

La cerimonia ha avuto luogo ieri, 9 marzo, alla presenza di Pietro Piccinetti, presidente della Fiera di Roma, e Linda Meleo, assessore alla Mobilità che ha sottolineato come “sia importante premiare le realtà che aderiscono concretamente al miglioramento della mobilità sostenibile” e ha presentato le future iniziative che verranno avviate con il supporto del ministero dell’Ambiente.

Carla Bellavia, direttore Hr di Groupama assicurazioni ha così commentato: “La nostra compagnia da anni pianifica soluzioni intelligenti per mettere i suoi dipendenti nelle migliori condizioni per raggiungere la nostra sede e sviluppa parallelamente dei piani volti alla salvaguardia dell’ambiente. Essere premiati per il nostro Mobility management ci gratifica e ci sprona a migliorare sempre”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»