Ilva Genova, lavori utili per 600

GENOVA - Saranno meno di 600 i lavoratori dello
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Genova_panorama

GENOVA – Saranno meno di 600 i lavoratori dello stabilimento Ilva complessivamente coinvolti nei lavori di pubblica utilità che consentiranno un’ulteriore integrazione dello stipendio di 7 punti percentuali rispetto al 70% già garantito dai contratti di solidarietà. E’ questo l’esito del tavolo tecnico che si è svolto questo pomeriggio in Regione Liguria, a cui hanno partecipato un delegato per sigla sindacale, l’azienda, gli assessori Berrino (Regione) e Piazza (Comune), Città Metropolitana, con la sola assenza di Società per Cornigliano, chiamata a coprire economicamente i lavori di pubblica utilità, ufficialmente perché il rappresentante è rimasto imbottigliato nel traffico.

Nel corso del tavolo tecnico sono state fissate le linee guida del percorso che verrà sancito formalmente giovedì prossimo e che dovrebbe portare all’avvio dei lavori di pubblica utilità dal primo aprile. Saranno 40 i progetti che verranno attivati dalle istituzioni genovesi e dai comuni limitrofi e coinvolgeranno all’incirca 150 lavoratori a settimana, sul totale di 1610 dipendenti di Ilva. Così la continuità di reddito sarà rispettata per tutti i lavoratori almeno fino al prossimo 30 settembre: la legge, infatti, prevede che per ottenere le garanzie previste dai contratti di solidarietà, i dipendenti debbano lavorare in fabbrica o aderire ai lavori di pubblica per una settimana; inoltre, chi aderirà ai lavori di pubblica utilità dovrà anche essere impiegato un giorno in fabbrica. A partire dall’estate, poi, è stato confermato da parte dell’azienda l’avvio della nuova linea di zincatura 4 che abbasserà di 80 unità al mese le uscite sui lavori di pubblica utilità.

di Simone D’Ambrosio, giornalista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»