Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Caso Amiu, si fermano i lavoratori della raccolta differenziata

GENOVA - Arrivano le prime ripercussioni in città della vicenda giudiziaria che martedì ha sconvolto il sistema della
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Arrivano le prime ripercussioni in città della vicenda giudiziaria che martedì ha sconvolto il sistema della raccolta differenziata genovese. I circa 130 lavoratori della Switch, società dell’indotto di Amiu che si occupa della raccolta di carta, cartone e rifiuti ingombranti, e della cooperativa sociale Il Giglio“, che utilizza i mezzi della Switch, hanno sospeso le attività e si sono recati a Palazzo Tursi, sede del Comune di Genova, per avere rassicurazioni sul futuro dopo che i vertici aziendali della Switch stessa sono stati di fatto cancellati con l’arresto di presidente e vicepresidente.

Raccolta differenziata rifiuti“Abbiamo bisogno urgente che qualcuno si inserisca a prendere le responsabilità di questa azienda- spiega Danilo Causa, Fit-Cisl– che sia un commissario o chiunque altro. Ieri i vertici di Amiu hanno detto che si stanno occupando della loro parte e che, nella peggiore delle ipotesi, reinternalizzeranno l’attività”. Ma il lavoro di questi operatori non riguarda solo Amiu: “Ci sono appalti con Aster, derattizzazione degli ospedali e raccolta di rifiuti in piccoli comuni del genovesato- spiega Causa- tutte attività che al momento sono ferme. Vogliamo una risposta sulla fine che faranno tutti i lavoratori perché l’appalto per Amiu ne coinvolge solo 50-60. Non è più solo una vertenza lavorativa o salariale ma si tratta di un problema sociale che riguarda tutta la Città metropolitana di Genova“.

Il terremoto arriva in una situazione già particolarmente delicata per i dipendenti della Switch: “Sono due anni che segnaliamo ritardi di pagamenti– ricorda Causa- tanto che avevamo già convocato un sciopero per il prossimo 18 marzo. Al momento, infatti, risultano due mesi di stipendi arretrati, una tredicesima e una rata della quattordicesima”. Qualcosa di più si saprà martedì prossimo, quando è convocato un nuovo confronto con i vertici di Amiu. Ma già domani mattina è in programma un seduta di commissione comunale proprio sulla situazione di Amiu, in calendario già da tempo soprattutto per parlare del futuro occupazionale e del nuovo piano industriale in vista della parziale privatizzazione, ma che, per forza di cose, dovrà fare i conti anche con la stretta attualità.

di Simone D’Ambrosio, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»