Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Brioni, D’Alfonso incontra il ministro Guidi: “A breve tavolo tecnico per evitare 400 esuberi”

PESCARA - "Il ministro Guidi mi ha garantito che adotterà tutti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Dd'alfonso2PESCARA – “Il ministro Guidi mi ha garantito che adotterà tutti gli strumenti possibili per tutelare i livelli occupazionali e consentire all’azienda Brioni di proseguire l’attività sul territorio vestino“. Lo ha detto il presidente della Giunta regionale dell’Abruzzo, Luciano D’Alfonso, che ha incontrato ieri a Roma il Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi. Intanto, sulla vertenza Brioni, si è svolto a Pescara un incontro tecnico tra il vice presidente Giovanni Lolli e le organizzazioni sindacali, i dirigenti dell’azienda sartoriale e i sindaci dell’area vestina.

   “A breve, insieme con il vice presidente Giovanni Lolli – ha aggiunto D’Alfonso – incontreremo il Ministro Guidi per individuare un percorso comune finalizzato a neutralizzare la vertenza Brioni. L’azienda è l’emblema imprenditoriale dell’area vestina e rappresenta l’immagine della sartoria abruzzese – ha aggiunto il presidente D’Alfonso -. Queste peculiarità sono importanti e uniche e devono rimanere intatte. Come Regione metteremo in campo ogni risorsa, non solo economica, affinché Penne possa continuare a legare il suo nome all’azienda Brioni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»