Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dedicate a Massimo Troisi le scale di ‘Scusate il ritardo’

A proporre che la rampa fosse dedicata all'artista napoletano e' stato un comitato di cittadini che segnalato anche il colpevole stato di degrato ed abbandono in cui la rampa stessa versava
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Per molti appassionati della cinematografia di Massimo Troisi la notizia del giorno e’ una notizia che arriva ‘in ritardo’. Eppure, finalmente, arriva. La Commissione toponomastica del Comune di Napoli ha infatti deliberato di dedicare proprio a Massimo Troisi le scale immortalate nel film “Scusate il ritardo” e che fanno da sfondo allo sfogo di Lello Arena, dolente con l’amico Massimo per le sue pene d’amore. A proporre che la rampa fosse dedicata all’artista napoletano e’ stato un comitato di cittadini che segnalato anche il colpevole stato di degrato ed abbandono in cui la rampa stessa versava.

Le scale ‘Massimo Troisi’ si trovano nel quartiere Chiaia, a ridosso di via Crispi. In quella zona, tra via Luca Da Penne e in piazzetta Beneventano, l’attore e regista di San Giorgio a Cremano giro’ il suo secondo film.

La Commissione del Comune ha anche deciso di dedicare una strada a Domenico Morelli – libero pensatore, scrittore, giornalista, patriota e politico che studio’ e visse a Napoli – e ad Ipazia d’Alessandria – matematica e filosofa, martire del libero pensiero.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»