Governo, Bianchi (Wwf): “Ci sarà ministero transizione ecologica”

MARIO DRAGHI
L'annuncio dell'associazione ambientalista dopo l'incontro con Draghi: questa mattina la richiesta di Grillo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA . “La buona notizia su cui abbiamo insistito tutti è che ci sarà il ministero della Transizione ecologica dove le competenze saranno concentrate“. Donatella Bianchi, presidente del Wwf, lo dice al termine delle consultazioni con il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi.

LEGGI ANCHE: Stop al voto su Rousseau, Grillo rilancia: “Vogliamo super ministero ecologico”

Nel nuovo ministero della Transizione ecologica “le competenze ambientali saranno ulteriormente rafforzate, perche’ per guidare e gestire questa transizione sara’ necessario un ministero forte, autorevole e competente”, aggiunge Donatella Bianchi, presidente del Wwf.

Siamo rimasti favorevolmente colpiti dalla centralita’ della questione ambientale e da quelle che il presidente Draghi ci ha detto che vorrebbe come ‘ottica di prospettiva’, l’ha definita cosi'”, aggiunge Bianchi. Un approccio significativo nel senso di una “centralita’ della trasformazione verde che dovrebbe ispirare ed essere trasversale alle altre politiche- prosegue Bianchi- penso a quella industriale, fiscale, alla salute, a tutto quello che dovra’ essere rivisto, ripensato e riorganizzato con le risorse che arriveranno” grazie al Next Generation EU.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»