Bologna avvia uno studio sulla droga ‘Purple drank’, sciroppo con bibita

alcol sballo
Si sta diffondendo un nuovo modo per 'sballarsi' che consiste nel mescolare il medicinale per la tosse a base di codeina con una bevanda analcolica. L'Ausl della città emiliana ha avviato una ricerca, la prima in Italia, in collaborazione con il Serd di Forlì e Rimini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Tra i ragazzi si starebbe diffondendo un nuovo modo per ‘sballarsi’: mescolare lo sciroppo per la tosse, a base di codeina, con una bevanda analcolica (o anche alcol). Il mix darebbe effetti come alterazione della coscienza, deliri e allucinazioni, sia calmanti che euforici, allo stesso modo di altri oppioidi. Questi sciroppo ‘rinforzato’ si chiama ‘Purple drank’ ed è finito sotto i riflettori dell’Osservatorio epidemiologico e delle dipendenze dell’Ausl di Bologna, al punto che gli esperti dell’Azienda sanitaria hanno avviato una ricerca, in collaborazione con il Serd di Forlì e Rimini. Si tratta del primo studio di questo tipo in Italia. “È compito di chi fa ricerca vedere la realtà nella sua evoluzione e non aspettare che accadano gli eventi”, spiega alla ‘Dire’ Raimondo Pavarin, direttore dell’Osservatorio e referente scientifico dello studio insieme a Edoardo Polidori.

La ‘Purple drank’, spiegano gli esperti dell’Ausl, “è una sostanza ricreazionale composta da sciroppo per la tosse (a base di codeina e prometazina cloridrato) mescolato con una bevanda analcolica (solitamente Sprite) o alcol. L’uso può essere caratterizzato da alterazione della coscienza, agitazione aggressiva, deliri acuti e allucinazioni visive. Gli effetti ricercati sono sia calmanti che euforici. Può provocare sintomi psicopatologici e fisici che si sviluppano come con altri oppioidi”. Il consumo di ‘Purple drank’, spiega ancora l’Osservatorio dell’Ausl di Bologna, “è in aumento non solo negli Stati Uniti, ma anche in Europa, con una grande diffusione in Francia, e risulta correlato alla crescita del numero di prescrizioni di farmaci contenti oppioidi, molto elevato in Francia e in Gran Bretagna”.

Gli esperti dell’Azienda sanitaria hanno quindi messo a punto un questionario anonimo, disponibile sul portale dell’Ausl di Bologna, che punta ad avere un identikit di chi utilizza la ‘Purple drank’ (età, titolo di studio, cittadinanza) e a descrivere la fenomenologia del consumo di questo sciroppo ‘rinforzato’, cercando di fare luce in particolare su: eventuale acquisto e ambito di consumo (a casa, a scuola, al parco, in ambienti musicali, con amici o da soli); sostanze utilizzate nella preparazione del prodotto; contestuale consumo di altre sostanze (droga o alcol); motivi di utilizzo; effetti desiderati e sperimentati con la ‘Purple drank’. Lo studio servirà per “individuare possibili strategie di riduzione del danno“, precisano gli esperti dell’Ausl di Bologna. Si tratta quindi di una ricerca per lo più “osservazionale”, su una popolazione target che comprende persone maggiorenni che abbiano usato almeno una volta la ‘Purple drank’. Il questionario, su base volontaria, sarà diffuso anche sui principali social media e sarà disponibile fino al 31 dicembre 2021.

LEGGI ANCHE: Riaprire le discoteche? Rimini e Jesolo al lavoro su protocollo di sicurezza

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»