Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Pietrucci (Pd): “A Pescara casi quadruplicati in un mese, Marsilio intervenga”

"Perché non si prevede una zona rossa per Pescara come si sarebbe dovuto fare quest'autunno per L'Aquila?"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PESCARA – “Peggiora in modo drammatico la situazione dei contagi a Pescara: la provincia registra la terza più grave incidenza settimanale d’Italia con incrementi pazzeschi di estrema pericolosità. Eppure la conseguenza è che la Regione non interviene. Perché?”. A chiederselo, commentando i dati elaborati dall’economista aquilano Riccardo Persio, è il consigliere regionale Pd, Pierpaolo Pietrucci.

LEGGI ANCHE: Abruzzo verso la zona arancione, “varianti nel 50% dei casi”

Avvistato a Pescara per la prima volta l’ibis sacro

In Abruzzo tre Comuni finiscono in zona rossa

“Avevamo lanciato un allarme già la settimana scorsa analizzando i numeri da capogiro dell’Istituto Superiore di Sanità: se nella prima settimana di gennaio nel pescarese i nuovi casi erano stati 229, nella prima settimana di febbraio i contagi erano stati 968. Quadruplicati in un solo mese – sottolinea -. Eppure con l’ordinanza del 5 febbraio il presidente della Giunta ha disposto la zona rossa per Tocco da Casauria, Atessa e San Giovanni Teatino e uno ‘stretto monitoraggio’ per Chieti e Francavilla. Perché non avviene lo stesso per Pescara che aveva ed ha numeri molto più preoccupanti? Perché non si prevede una zona rossa per Pescara come si sarebbe dovuto fare quest’autunno per L’Aquila? Si pensa forse che la chiusura di tutte le scuole comunali decisa dal sindaco Masci sia sufficiente?- incalza Pietrucci -. Perché si rischia di estendere i contagi, di aumentare l’incidenza e l’Rt e di portare l’intero Abruzzo in zona arancione? E se Marsilio, col conforto del Cts, prevede o teme questo scenario, perché non agisce subito coinvolgendo le categorie interessate, a partire da ristoratori ed esercenti alle prese con ordinativi, scorte ed approvvigionamenti, in vista del weekend e di San Valentino? E perché non dice nulla ai gestori di impianti sciistici che, da norme nazionali, prevedono di aprire il 15 febbraio? Insomma, questa inerzia è pazzesca – conclude l’esponente Pd – : alimenta un pericolo di contagio, genera incertezza nel sistema economico, crea confusione nell’opinione pubblica perché non c’è coerenza tra i dati dei contagi e le misure da prendere. Chiedo a Marsilio di assumersi le sue responsabilità, prendendo le decisioni necessarie, senza alimentare demenziali polemiche col governo e nell’interesse degli abruzzesi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»