Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Recovery Fund, il Parlamento europeo lo approva a grande maggioranza

La soddisfazione di Ursula Von Der Leyen: "Così usciamo dalla crisi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BRUXELLES – È stata annunciata l’approvazione ufficiale della Recovery and Resiliance Facility con 582 voti a favore, 40 contrari e 69 astenuti. Ora, stando a quanto ha detto ieri dal vicepresidente dell’esecutivo della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, la firma per l’accordo dovrebbe essere formalizzata gia’ venerdi con un procedimento veloce e il regolamento potrebbe entrare in vigore dal 18 febbraio con la pubblicazione in gazzetta ufficiale.

L’Italia si e’ fatta sentire supportando il Recovery con i voti a favore del Partito Democratico, dei Cinque stelle, di Forza Italia e della Lega, che in un comunicato ieri si e’ detta fiduciosa vedendo “una nuova stagione per l’utilizzo dei fondi del Recovery, un’occasione per riportare l’Italia protagonista”. Unici astenuti i deputati di Fratelli d’Italia.

VON DER LEYEN: BENE PARLAMENTO UE, COSI’ USCIAMO DA CRISI

Accolgo con favore il voto del Parlamento europeo sul Recovery, il cuore di NextGenerationEU. Mentre i vaccini ci aiutano a uscire dalla crisi sanitaria, il Piano di Recupero e resilienza ci portera’ € 672,5 miliardi per sostenere persone, imprese e comunita’ per uscire dalla crisi economica”. Cosi’ la presidente della Commissione Ue Ursula Von Der Leyen su twitter.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»