Cittadinanza onoraria a Giorgia Linardi (Sea Watch Italia): “Palermo sia una base per le nostre navi”

"Non posso che rispondere con un applauso", ha risposto Leoluca Orlando. Premiati anche il capitano Carlo Giarratano (motopesca 'Accursio-Giarratano') e il comandante Pietro Marrone ('Mare Jonio')
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – “Vorremmo chiedere a Palermo se in futuro la città ha voglia di essere base per le nostre navi”. La richiesta è stata formulata da Giorgia Linardi, portavoce di Sea Watch Italia, che a Palermo ha ricevuto la cittadinanza onoraria del capoluogo siciliano dalle mani del sindaco, Leoluca Orlando, per l’attività di salvataggio delle vite umane condotta nel Mediterraneo.

“Non posso che rispondere con un applauso”, ha risposto Orlando. La ong ha regalato a Orlando la propria bandiera, ricevendo in cambio quella del Comune di Palermo.

ORLANDO: “IL MEDITERRANEO NON DEVE ESSERE UN MARE CHE SEPARA, MA UN CONTINENTE CHE UNISCE”

La cerimonia di premiazione è in corso a Sala delle Lapidi, sede del consiglio comunale di Palermo.

Oltre a Giorgia Linardì, a ricevere il riconoscimento per il motopesca saccense che nel luglio dello scorso anno salvò una cinquantina di migranti nel Mediterraneo è stato il capitano, Carlo Giarratano: “Non pensavamo di diventare così famosi compiendo un’azione dettata solo dal nostro cuore ma che è conosciuta bene da chi va per mare”, ha spiegato Giarratano.

Per la ‘Mare Jonio’ in sala c’era il comandante, Pietro Marrone: “Fino a ieri ero un uomo quasi condannato – ha ricordato – e oggi, grazie alla città di Palermo, sto ricevendo un premio”.

“Il Mediterraneo non deve essere un mare che separa ma un continente che unisce”, ha affermato Orlando.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»