Africa, locuste anche in Uganda: pronto un piano di emergenza

Kampala invia aerei, trattori e pick-up per campagna pesticidi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’invasione di locuste del deserto che da settimane stanno razziando milioni di ettari di campi coltivati in Kenya e Corno d’Africa potrebbe allargarsi anche all’Uganda.

Dopo i primi avvistamenti degli insetti nel fine settimana nella regione di confine di Karamoja, il governo di Kampala ha reso noto che sta per essere messo in atto un piano speciale di contenimento, anche con il coinvolgimento delle forze armate.

Secondo fonti del governo, l’arrivo degli sciami in territorio ugandese era previsto. Stando alla stampa locale, sul campo verranno utilizzati due aerei, pick-up e trattori, per diffondere pesticidi. Sono stati inoltre consegnati centinaia di spray piu’ piccoli e manuali.

Secondo fonti locali sarebbe allo studio un accordo con il governo di Nairobi per organizzare un piano congiunto di controllo degli sciami.

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao), che cura una pagina di aggiornamenti quotidiani sulla crisi delle locuste, ha reso noto che ad oggi l’entita’ dell’invasione non sembra diminuire. Oltre a Kenya, Somalia, Eritrea, Etiopia e Uganda, sembra che anche Tanzania e Yemen stiano subendo le prime incursioni degli sciami.

LEGGI ANCHE:

VIDEO | La Somalia è invasa dalle locuste, proclamata l’emergenza nazionale

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»