VIDEO | Cimitero dei Rotoli, dopo l’inchiesta per corruzione Orlando nomina Marchese

Il sindaco di Palermo ha deciso di affidare al vice segretario generale il compito di sovrintendere a tutte le attività dei cimiteri comunali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Dopo l’indagine per corruzione al cimitero dei Rotoli di Palermo, che vede coinvolti alcuni dipendenti comunali e della Partecipata Reset, il sindaco Leoluca Orlando ha deciso di affidare al vice segretario generale, Gabriele Marchese, il compito di sovrintendere a tutte le attività dei cimiteri comunali.

L’annuncio è stato dato dallo stesso Orlando nel corso di una conferenza stampa a Palazzo delle Aquile. Un provvedimento a firma di Orlando darà a Marchese le mansioni di dirigente responsabile dei Servizi cimiteriali: “Lo definisco un ‘commissario’ anche se si tratta di una espressione giuridicamente sbagliata – ha affermato Orlando -, avrà tutti i poteri previsti dalla legge per potere operare nel modo migliore”.

Orlando presenterà la sua proposta di nomina alla giunta comunale. Marchese avrà “tutte le responsabilità della gestione dei cimiteri, per evitare – ha spiegato Orlando a margine della conferenza stampa – che presunti comportamenti illegali da parte di qualcuno possano rovinare il buon lavoro fatto e mortificare i diritti dei cittadini”.

Il sindaco ha poi precisato: “Sono funzioni che io definisco ‘commissariali’ anche se so che tecnicamente non si tratta di un commissario”. L’obiettivo della nomina “è eliminare le vergogne che pensiamo siano state commesse per recuperare la dignità dell’Amministrazione”.

A Marchese anche il compito di risolvere l’emergenza loculi in città: “C’è la possibilità di abbattere fin da subito il numero delle 300 salme attualmente in deposito riducendole a un centinaio”, ha spiegato Orlando.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»