Sudan, il Segretario generale dell’Onu Guterres: “Toglierlo dalla lista dei paesi sponsor del terrorismo”

Non è la prima volta che il segretario generale si esprime in questi termini rispetto alla questione del Sudan
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “E’ tempo di rimuovere il Sudan dalla lista degli Stati sostenitori del terrorismo e di mettere in moto un massiccio supporto internazionale affinchè il Paese possa vincere le sue sfide”. A dirlo stato è il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres.

LEGGI ANCHE: Sudan, Adam Nor: “Tragedia Darfur, tornano i ‘diavoli a cavallo’”

L’ex primo ministro portoghese è intervenuto nel corso del Summit dei capi di Stato e di governo dell’Unione Africana che si è svolto questo fine settimana ad Addis Abeba, in Etiopia. Non è la prima volta che il segretario generale si esprime in questi termini rispetto alla questione del Sudan. Già a settembre aveva espresso il proprio sostegno al superamento delle sanzioni imposte a Khartoum dalla comunità internazionale, in quanto Paese membro, dal 1993, della lista dei sostenitori del terrorismo stilata del Dipartimento di Stato di Washington.

Nell’aprile scorso le forze armate sudanesi, dopo mesi di mobilitazione e proteste di piazza popolari, hanno messo fine a 30 anni di governo di Omar al-Bashir, istituendo un Consiglio militare di Transizione guidato dal generale Abdel Fattah Abdelrahman Burhan.

LEGGI ANCHE: Padre Baccin: “Spari a Khartoum, in Sudan la rivoluzione rischia”

Guterres ha definito questi sviluppi “un grande successo” e ha detto che “questi passi in avanti dimostrano che è possibile agire”. Il segretario generale ha anche invitato la comunità internazionale a “sostenere senza sosta” gli sforzi del Sudan.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»