Coronavirus, Spallanzani: “Italiano positivo senza febbre, stabili i coniugi cinesi”

Negativo il test sui due bambini provenienti dalla Cecchignola. È stato predisposto il rientro nella città militare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il cittadino italiano trasferito giorni fa allo Spallanzani dalla struttura militare della Cecchignola e con infezione confermata da Coronavirus, “è in buone condizioni generali, senza febbre e anche lui continua la terapia antivirale“. E’ quanto si legge nell’ultimo bollettino medico diffuso dall’istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Ippolito (Spallanzani): “Per il vaccino serve un anno”

I bambini provenienti dalla città militare della Cecchignola sono senza febbre e in buone condizioni generali“, prosegue il bollettino. “Anche il secondo test al Coronavirus effettuato presso l’Inmi Spallanzani è risultato negativo al 2019-nCoV. E’ stato dunque predisposto il rientro alla Cecchignola con un mezzo dell’Ares 118 e d’intesa con l’Autorità sanitaria militare per completare il periodo di sorveglianza”. Lo comunica la Direzione sanitaria dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma.

Le condizioni cliniche della coppia di cittadini cinesi positivi al Coronavirus e ricoverati in terapia intensiva sono stazionarie. “I parametri emodinamici sono stabili, continua il trattamento antivirale. La prognosi è tuttora riservata”, si legge ancora.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’italiano rientrato dalla Cina: “Lì paese militarizzato, qui tanto allarmismo”

In totale, sono 15 i pazienti tuttora ricoverati all’Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma. Tre sono i casi confermati, dieci sono i pazienti sottoposti a test per la ricerca del nuovo Coronavirus in attesa di risultato e due sono i pazienti che risultati negativi al test ma rimangono comunque ricoverati per altri motivi clinici.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»