Caso Vannini, il legale della famiglia: “Nel nuovo processo può succedere di tutto”

Dopo la decisione della Cassazione di ordinare un nuovo processo d'appello, dice il legale della famiglia: "Il 7 febbraio si è completamente riaperta una porta, quindi può succedere di tutto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È come se fosse successo ieri- ha affermato Gnazi-. Il tempo tende a sminuire, in questo caso no. Questo può dipendere da tanti motivi, ma certamente dipende anche dal senso angoscioso di ingiustizia che la famiglia ha subito. È un turbine questa vicenda e i genitori ne sono avvinti come se fosse il primo momento. C’era una generalizzata sensazione che la vicenda dal punto di vista giudiziario si sarebbe chiusa il 7 febbraio, però noi ci credevamo e abbiamo fatto bene”. Lo dice l’avvocato Celestino Gnazi, legale della famiglia Vannini, che è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

LEGGI ANCHE: Caso Vannini, la Cassazione: “Nuovo processo per omicidio volontario per Ciontoli”

“Chi ha assistito al processo in Cassazione- prosegue l’avvocato- ha trovato dei giudici che sapevano perfettamente tutto, conoscevano gli atti, la rappresentante della Procura generale era assolutamente preparata, partecipe. È stato un processo in un tribunale che ti dava la sensazione che c’era partecipazione, conoscenza. Giudici di quel livello non si fanno certo influenzare dall’esterno, è chiaro che la pressione mediatica ha acceso i riflettori su questa vicenda che è particolare perché c’è anche un binario morale. Sotto il profilo giuridico la soluzione secondo me è assolutamente corretta, è quella che mi ero prefigurato fin dall’inizio della vicenda. È stato esploso un colpo di pistola, non ci sono elementi seri per dire che fosse omicidio volontario, c’è stato un ritardo enorme nei soccorsi, la conclusione è stata che a mio avviso non avremmo mai avuto la prova di chi aveva sperato e di come era successo, certamente si era subito percepito che quel ritardo nei soccorsi aveva determinato la morte del ragazzo e dunque l’omicidio era lì, nel periodo successivo allo sparo, in quella falsità, in quelle mendacità che si sono verificate tra lo sparo e i soccorsi”.

LEGGI ANCHE: Caso Vannini, la madre di Marco: “Mio figlio ha riconquistato dignità, ora pronta a lottare”

“Nel processo c’erano da subito tutte le prove, a mio avviso sono state lette in modo inadeguato nei giudizi precedenti, certamente quello di secondo grado. Il 7 febbraio si è completamente riaperta una porta, quindi può succedere di tutto. Le motivazioni della sentenza della Cassazione saranno fondamentali. Con le motivazioni avremmo le istruzioni per l’uso”, conclude il legale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»