Il rettore di Unicusano: “No al trionfalismo sul recupero da lotta all’evasione”

Ovvero: sono stati recuperati 19 miliardi di euro grazie alla lotta all'evasione fiscale, ma c'è ancora molto, troppo, da fare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – “Una bella notizia, un dato significativo, ma non ne farei un motivo di trionfalismo: non ci si può cullare sugli allori”. Ovvero: sono stati recuperati 19 miliardi di euro grazie alla lotta all’evasione fiscale, ma c’è ancora molto, troppo, da fare. Così il rettore dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, Fabio Fortuna, commenta su Radio Cusano Campus il dato comunicato dall’Agenzia delle Entrate e che attesta a 19 miliardi il recupero fiscale del 2016.

LEGGI ANCHE Evasione, Padoan: “Record nel 2016, recuperati 19 mld. E dal gettito ne arriveranno 450”

Il fatto che sia stata recuperata questa cifra, “con un incremento del 28% rispetto al 2015, è molto significativo e testimonia l’impegno dell’Agenzia e della Guardia di Finanza. Ma- spiega Fortuna- pur essendo una cifra ragguardevole, l’entità dell’evasione non è concretamente calcolabile in modo esatto, e forse risulta essere 10 volte tanto. Quindi apprezziamo il dato, ma la lotta all’evasione va assolutamente rafforzata”.

Per questo “non ne farei un motivo di trionfalismo, perché siamo molto lontani da una lotta all’evasione veramente efficace e che consenta di recuperare a tassazione quei redditi imponibili che ingiustamente vengono sottratti e che poi deve pagare qualcun altro”. Infatti, per il rettore, “esiste un rapporto tra la pressione e l’evasione fiscale: la prima è molto elevata, superiore al 40%, ma è evidente che in presenza di una evasione forte tende a diminuire poco e di conseguenza il prelievo si riverbera sempre sugli stessi che già pagano”. Insomma, siamo di fronte a “un rapporto biunivoco. Bisogna contemperare le due esigenze finché il fenomeno, cui si affianca anche l’elusione, non viene combattuto in maniera più stroncante”. Un punto di partenza, conclude Fortuna, potrebbe essere la semplificazione fiscale. “Ma, anche qui, sono anni che la sento citare: cerchiamo di realizzarla davvero per districarci in questa giungla di norme fiscali”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»