Corridoi umanitari, Ehler (Pe): “L’Unione europea valuta, ma serve un accordo”

Di recente, l'Italia ha attivato attraverso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Christian Ehler

Di recente, l’Italia ha attivato attraverso l’azione congiunta di Comunita’ di Sant’Egidio, Chiese evangeliche e Tavola valdese da un lato, e ministero degli Affari esteri e degli Interni dall’altro, dei corridoi umanitari per portare i richiedenti asilo attraverso il Libano in Europa in sicurezza. Il primo arrivo e’ avvenuto il 4 febbraio scorso: “E’ un’iniziativa positiva e lodevole, la valuteremo” ha dichiarato il vicepresidente della sottocommissione Sicurezza e difesa Christian Ehler alla Dire, per poi aggiungere che “dal punto di vista politico, Schengen rappresenta una conquista europea, pertanto i paesi che ne fanno parte devono raggiungere un punto comune sulla questione dell’immigrazione: sui visti d’ingresso, sulla gestione dei flussi e sull’identificazione”. Sebbene il rispetto dei diritti dei migranti e la loro sicurezza sia un aspetto che Bruxelles non dimentica, “il Parlamento deve lavorare a un accordo comune” conclude Ehler. Questo a margine di una visita della delegazione della sottocommissione con le autorita’ italiane, stamani a Roma, nella sede della Rappresentanza della Commissione europea in Italia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»