Bologna, scontro tra Sindaco e Prefetto: “No alle ronde”

Merola pronto a portare "al Comitato per l'ordine pubblico la ferma contrarieta' del Comune a qualsiasi parola che assomigli a ronda"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA  – A Bologna “non esiste la possibilità di fare le ronde” e per questo “mi auguro che il Prefetto non le autorizzi”, neanche in Bolognina. Non concede un centimetro il sindaco Virginio Merola, che anzi si dice pronto a portare “al Comitato per l’ordine pubblico la ferma contrarietà del Comune di Bologna a qualsiasi parola che assomigli a ronda”. In città, sottolinea il sindaco questa mattina a margine di una conferenza stampa in Città metropolitana, “ci sono già gli assistenti civici, che collaborano con la Polizia municipale e che sono selezionati, con bandi di gara specifici. Poi ci sono i Carabinieri e la Polizia di Stato. Punto. Non esistono ronde“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»