Sgombero alle ex scuole Ferrari di Bologna, Asia-Usb: “Si resiste sul tetto”

BOLOGNA - Dopo quasi tre anni di occupazione, stamattina
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Sgombero_viaToscana

BOLOGNA – Dopo quasi tre anni di occupazione, stamattina a Bologna è scattato lo sgombero delle ex scuole Ferrari di via Toscana. “Si resiste sul tetto”, fa sapere tramite social network Asia-Usb, la sigla che il 4 aprile 2013 guidò l’occupazione dello stabile (di proprietà della Carisbo) a scopo abitativo, con il coinvolgimento di diverse decine di persone. La Carisbo, nel 2015, aveva chiesto il sequestro dell’immobile alla Procura e la situazione di via Toscana ha più volte fatto parlare di sé per il distacco delle utenze. Asia racconta su Facebook che all’esterno delle ex scuole, mentre le forze dell’ordine sono impegnate nello sgombero, si è formato un presidio di solidarietà. La sigla dell’Usb riferisce che “i primi attivisti sopraggiunti sotto le ex Ferrari di via Toscana sono stati malmenati e allontanati dallo sgombero, spinti contro un cassonetto dell’immondizia e lì immobilizzati”.

Di Maurizio Papa, giornalista professionista

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»