Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Quirinale, patto Sinistra Italiana-Verdi: “Contro governo conservatore e candidatura Berlusconi”

"Sarebbe molto importante estendere il patto di consultazione anche alle altre forze progressiste con Pd e M5s"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un “patto di consultazione”, per individuare la migliore figura possibile da candidare al Quirinale, tra due forze “diverse” ma con in comune “i principi cardine della giustizia ecologica e sociale”. Sinistra italiana e Europa verde uniscono le forze per definire l’dentikit di chi mandare al Colle da una parte, e “per porre un argine democratico” alla candidatura di Silvio Berlusconi dall’altra. A presentare l’accordo oggi alla Camera, i leader dei due partiti, Nicola Fratoianni (Si) e Angelo Bonelli (Europa Verde).

“Oltre ad impedire l’elezioni di candidati improbabili- ha spiegato Fratoianni- vogliamo evitare che vada in porto un progetto di stabilizzazione del quadro politico di questo governo. Un Governo trasversale con un profilo conservatore che, attraverso il suo minstero della transizione energetica, guarda al passato – anche attraverso il rilancio del nucleare o il ponte sullo stretto – più che al futuro”.

Secondo Bonelli, infine, “sarebbe molto importante estendere il patto di consultazione anche alle altre forze progressiste con Pd e M5s. Al momento le interlocuzioni sono in corso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»