Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il Tar ferma De Luca, sospesa l’ordinanza sul ritorno in Dad: da domani alunni in aula

bambini_scuola_zaini
Il governatore aveva ordinato la chiusura delle scuole dalle materne alle secondarie di primo grado fino al 29 gennaio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Il Tar della Campania ha accolto uno dei ricorsi presentati contro l’ordinanza del presidente della Regione Vincenzo De Luca che ha portato allo stop delle lezioni in presenza nelle scuole fino alle superiori di primo grado. È quindi sospesa l’esecutività dell’ordinanza impugnata, la numero 1 del 2022, nella parte in cui si dispone lo stop alle lezioni in presenza. Sono, infatti, immediatamente “ripristinate – si legge nel dispositivo – le modalità di prestazione e di fruizione dei servizi educativi, scolastici e didattici” regolati dalla normativa nazionale. Fissata, per la trattazione collegiale, la camera di consiglio in data 8 febbraio 2022.

I giudici del Tar hanno ricordato che la normativa nazionale, di rango primario, disciplina già in maniera specifica la gestione dei servizi e delle attività didattiche in tempo di pandemia, circostanza che esclude la possibilità di regolare la materia tramite ordinanze negli stessi settori già normati: “non residua spazio alcuno – si legge nel decreto del Tar – per disciplinare diversamente l’attività scolastica in stato di emergenza sanitaria, in quanto interamente e minutamente regolata dalle richiamate disposizioni di rango primario”. Infatti, “la scelta del livello di tutela dell’interesse primario alla salute, individuale e collettiva, e il punto di equilibrio del bilanciamento tra diversi valori è già stata operata, appunto, a livello di normazione primaria, dal legislatore nazionale”.

Un diverso orientamento di altre autorità “che, del tutto legittimamente, manifestasse la non condivisibilità, politica e/o giuridica o finanche di complessiva ragionevolezza, dell’intervento legislativo operato” non potrebbe “giammai essere espresso e fatto valere con provvedimenti amministrativi evidentemente distonici rispetto a detta scelta del legislatore nazionale”. Quindi, per i giudici del Tar, non può “mantenersi l’efficacia di un provvedimento amministrativo palesemente contrastante rispetto alle scelte, politiche, operate a livello di legislazione primaria”.

Il Tar della Campania ravvisa, ancora, che “neppure risulta che la regione Campania sia classificata tra le zone rosse” e dunque nella fascia di maggior rischio pandemico”. Il solo dato dell’aumento dei contagi nel territorio regionale, neppure specificamente riferito alla popolazione scolastica, non può giustificare “per sé solo la situazione emergenziale, eccezionale e straordinaria, che, in astratto, potrebbe consentire la deroga alla regolamentazione generale”. Il Tar ricorda, ancora, che “non risulta peraltro alcun “focolaio” né alcun rischio specificamente riferito alla popolazione scolastica, generalmente intesa”. I giudici del Tar riconoscono come “dubbia – si legge nel decreto – anche l’idoneità della misura disposta, tenuto conto della prolungata chiusura connessa alle festività natalizie, che non ha, tuttavia, evitato l’aumento registrato dei contagi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»