Nomina Marra, il 16 marzo inizia il processo d’appello per Virginia Raggi

Raggi era stata assolta in primo grado il 10 novembre 2018, dall'accusa di falso documentale con la formula 'perché il fatto non costituisce reato'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – È stato fissato al prossimo 16 marzo il processo di appello nei confronti della sindaca di Roma, Virginia Raggi, assolta in primo grado il 10 novembre 2018 dal giudice Roberto Ranazzi, dall’accusa di falso documentale con la formula ‘perché il fatto non costituisce reato’. La procura, dopo la sentenza, ha fatto ricorso in appello e il processo si terrà davanti alla II Sezione penale. Secondo il procuratore aggiunto Paolo Ielo e il pm Francesco Dall’Olio, che avevano chiesto la condanna della sindaca a 10 mesi di reclusione, Raggi non fu vittima di “un raggiro ordito ai suoi danni” nelle fasi che, nell’autunno del 2016, portarono alla nomina di Renato Marra alla guida della Direzione Turismo.

Un raggiro, secondo il tribunale monocratico, ideato dallo stesso Renato e da suo fratello Raffaele, che all’epoca era alla guida del Dipartimento Risorse Umane. Per i magistrati dunque la Raggi, difesa dagli avvocati Emiliano Fasulo e Alessandro Mancori, avrebbe commesso un falso documentale: mentì all’Anticorruzione del Comune di Roma riguardo al caso di Renato Marra, fratello del suo ex braccio destro, Raffaele. Marra senior fu promosso da vigile urbano graduato a capo del dipartimento Turismo del Comune con un incremento di stipendio pari a 20mila euro.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»