Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Fisco, la ricetta dei 5 Stelle: “Via redditometro, spesometro e studi di settore”

I 5 stelle lanciano www.leggidaabolire.it: "Il nostro obiettivo è quello di 'disboscare la giungla normativa' riorganizzando organicamente tutte le leggi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le prime leggi da abolire che abbiamo individuato sono quelle che più opprimono gli imprenditori e i cittadini che producono: gli studi di settore, lo split payment, il redditometro e lo spesometro. Tutti devono pagare il giusto. Il fisco deve essere equo”. Questo quanto si legge sul sito www.leggidaabolire.it, “un progetto che nasce da un’idea di Luigi Di Maio”.

Lo stesso capo politico M5S, si legge sempre sul sito, che “negli ultimi anni ha incontrato migliaia di imprenditori e cittadini dai quali si è sentito rivolgere un invito corale: smettetela di affogarci con continue leggi che ci obbligano ad assolvere adempimenti inutili che ci portano via un sacco di tempo e risorse“.

Da questo, “nasce il progetto descritto in questo sito: abrogare più leggi possibile e riorganizzare le rimanenti in codici organici per materia“. Per fare questo “vogliamo utilizzare la vostra esperienza e le vostre segnalazioni che si possono effettuare qui” tramite un form on line.

Ogni settore del nostro ordinamento, “dopo che avremo eliminato le leggi inutili, dovrà avere un codice- si legge ancora- il nostro obiettivo è quello di ‘disboscare la giungla normativa’ riorganizzando organicamente tutte le leggi per materia ed eliminando tutta la burocrazia inutile che crea questa immensa quantità di norme”.

Quindi, “vogliamo passare dalle 187.000 leggi approvate a 40 codici per materia, abolendo così tutte le norme codificate. In questo modo un cittadino che dovrà risolvere un problema non dovrà consultare 50 commi di 50 leggi diverse per avere un quadro chiaro, ma sarà sufficiente andare a vedere il codice di riferimento“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»