Stadio della Roma, nuovo incontro in Comune. Baldissoni: “Stiamo accelerando”

ROMA - Nuovo incontro in Campidoglio tra il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Nuovo incontro in Campidoglio tra il sindaco Virginia Raggi ed i rappresentanti della A.S. Roma sul nuovo stadio dei giallorossi, in attesa della fondamentale riunione della Conferenza dei servizi del 12 gennaio.

Si sta accelerando– spiegano fonti del Campidoglio al termine della riunione- I tecnici sono al lavoro per valutare i miglioramenti al progetto nel rispetto dei tempi previsti dalla conferenza dei servizi”.

“E’ andata bene- dichiara al termine dell’incontro il dg della A.S. Roma Mauro Baldissoni-. Continuiamo a lavorare, diciamo che stiamo anche accelerando. Ora abbiamo messo un po’ il piede sull’acceleratore per cercare di definire i miglioramenti al progetto richiesti dall’amministrazione, nei tempi stretti della Conferenza dei servizi che intendiamo tutti rispettare. Continuiamo a lavorare. Sono state richieste modifiche alle cubature? Questo fa parte di una valutazione complessiva che stiamo portando avanti da tempo per vedere cosa si può migliorare anche in riduzione”.

All’incontro erano presenti, oltre a Raggi, il vicesindaco Luca Bergamo, il presidente dell’Assemblea capitolina, Marcello De Vito, il dg della Roma, Mauro Baldissoni, e il costruttore Luca Parnasi. Assente l’assessore all’Urbanistica, Paolo Berdini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»