Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Restano in carcere mandanti ed esecutori di quattro casi di lupara bianca a Canosa di Puglia

Le vittime sarebbero state uccise, i loro copri bruciati e i resti dispersi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Restano in carcere Daniele e Pasquale Boccuto di 41 e 30 anni, Cosimo Damiano Campanella di 80 anni e il nipote omonimo di 39 anni, Sabino Carbone di 40 anni, Marco Di Gennaro di 30 anni, Claudio Pellegrino di 33 anni e Cosimo Zagaria di 37 anni le otto persone arrestate dalla polizia di stato lo scorso 17 novembre perché considerate autori e mandanti dei quattro casi di lupara bianca avvenuti a Canosa di Puglia (Barletta – Andria – Trani) tra il 2003 e il 2015. Lo ha deciso il tribunale del riesame di Trani.

Tutti sono accusati – a vario titolo – di omicidio premeditato, in concorso, aggravato, violazione della legge sulle armi e delle misure di prevenzione, distruzione di cadavere, violenza e minaccia a pubblico ufficiale in concorso, estorsione aggravata. È contestata l’aggravante mafiosa. Le vittime sarebbero state uccise, i loro copri bruciati e i resti dispersi. Si tratta di Sabino D’Ambra (14 gennaio 2010), Giuseppe Vassalli (18 agosto 2015), Sabino Sasso e Alessandro Sorrenti (1 dicembre 2003).

LEGGI ANCHE: Arrestati i presunti mandanti e autori di quattro episodi di lupara bianca in Puglia

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»