Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nazrul Islam Ritu prima sindaca transgender del Bangladesh

ritu sindaca transgender
Ha trionfato nella cittadina di Trilonchanpur. “Questa vittoria vuol dire che mi apprezzano davvero e che mi accettano come uno di loro”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La neo-sindaca appartiene al “terzo sesso”. Così in Bangladesh è riconosciuta la comunità transgender e “hijra”, coloro che sono nati con fisiologia maschile ma non si riconoscono né come uomini né come donne. È il caso di Nazrul Islam Ritu, 45 anni, eletta alla guida della cittadina di Trilochanpur, dove ha superato il rivale filo-governativo ottenendo più del doppio dei suoi voti.

Come ricorda il quotidiano Dhaka Tribune, la neo-sindaca aveva lasciato la sua famiglia ancora bambina per trasferirsi nella comunità transgender di Demra, alla periferia della capitale. La stampa locale riferisce che però nel corso degli anni ha sempre mantenuto i rapporti con Trilochanpur, una cittadina dove vivono circa 40mila persone, anche garantendo aiuti economici per la costruzione di due moschee e alcuni templi indù.

“Questa vittoria vuol dire che mi apprezzano davvero e che mi accettano come uno di loro” ha detto Ritu dopo l’elezione. La sua storia è anche quella di un Paese che sta cambiando, cercando di contrastare o porre un argine alle discriminazioni. Nel 2013 le persone transgender sono state riconosciute come appartenenti a un genere distinto dagli altri e nel 2018, per la prima volta, hanno potuto utilizzare la dicitura “terzo sesso” per registrarsi alle elezioni.

Un segnale è arrivato anche quest’anno, con una fotografia scelta dalla rivista americana Time come una delle migliori cento del 2021. Al centro dell’immagine si vede la prima presentatrice transgender del Bangladesh, Tashnuva Anan Shishir, attorniata dalle colleghe della redazione dell’emittente Boishakhi Tv.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»