Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La Procura di Roma chiede l’archiviazione per i marò

marò
La moglie di Massimiliano Latorre: "La fine di un incubo durato dieci anni". Il fuciliere e il collega Salvatore Girone erano accusati per l'omicidio di due pescatori indiani nel 2012
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alba Di Palo

BARI – “La fine di un incubo durato dieci anni. Emozione, commozione, felicità: era ora”. Lo scrive in un post pubblicato sui social Paola Moschetti, moglie di Massimiliano Latorre, commentando la richiesta di archiviazione da parte della procura di Roma per il marito e per Salvatore Girone, i due fucilieri della Marina accusati dell’omicidio di due pescatori avvenuto nel febbraio del 2012 a largo delle coste del Kerala, nell’India sud occidentale.

LATORRE: “ORA VOGLIO STRINGERVI TUTTI”

“Ora voglio stringervi tutti e non solo virtualmente ma fisicamente perché non ho dimenticato quanto vi siete spesi per noi“. Lo ha scritto in un post pubblicato su Facebook Massimiliano Latorre, dopo aver appreso della richiesta di archiviazione da parte della procura di Roma per lui e per Salvatore Girone.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»