Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Commenti sui social, la Polizia postale: “Non siate superficiali. E non giratevi dall’altra parte”

social network
Campagna del Corecom Lazio in collaborazione con l'Agenzia Dire: "Un commento pubblicato con superficialità, per ferire, per fare una battuta di spirito, può essere particolarmente lesivo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un commento scritto sui social con leggerezza può provocare conseguenze gravi, così come vedere online atteggiamenti minacciosi o violenti e non denunciarli. Lo spiega bene il Dirigente del Compartimento Polizia Postale per il Lazio, dr. Daniele De Martino.

Oggi tutto quello che viene pubblicato online raggiunge immediatamente un numero indeterminato di soggetti: va nella disponibilità di tutti, se ne perde proprietà e titolarità. Ecco allora che un atteggiamento superficiale può provocare conseguenze gravi, specie nel caso di persone fragili – spiega De Martino -. Capita che di frequente” le vittime “abbiano chiesto aiuto tardivamente. Questo ci fa capire l’importanza dei sensori sociali, come la famiglia e la scuola, che possono essere in grado di intervenire per tempo. Hanno una importanza particolare anche i soggetti che osservano anche dalla propria casa, con i propri device, queste condotte e che sono chiamati a non girarsi dall’altra parte, ma a segnalare questi casi sospetti e agevolare il soccorso di persone in difficoltà“.

“Frequentemente, poi, quando scopriamo chi sono gli autori, nell’identificarli e nel fare le perquisizioni scopriamo che anche loro sono stati soggetti trascinati, o soggetti che si sono trovati in delle situazioni per delle condotte particolarmente superficiali, di leggerezza. Ma un commento pubblicato con superficialità, per ferire, per fare una battuta di spirito, può essere particolarmente lesivo. Siamo chiamati tutti a dare il nostro contributo per evitare che determinate situazioni possano diventare dannose per soggetti particolarmente fragili e che quindi possano esserci dei danni gravi”, conclude De Martino.

La video-pillola è stata realizzata nell’ambito della campagna del Corecom Lazio – che affronta le tematiche della Dipendenza, dell’Odio in Rete, del Cyberbullismo, del Sexting e dell’Adescamento online –, realizzata in collaborazione con l’agenzia di stampa Dire.

LEGGI ANCHE: Sicurezza sul web: “Non date subito confidenza e, se qualcosa va storto, chiedete aiuto”

LEGGI ANCHE: Basta odio in rete, appello ai più giovani: “Denunciate”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»