Uno striscione per Zaki su Palazzo Vecchio a Firenze

Il sindaco Nardella: "Battaglie come questa uniscono anche posizioni politiche diverse"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Patrick Zaki resterà nel carcere del Cairo altri 45 giorni. E a Palazzo Vecchio sarà esposto uno striscione per la liberazione del giovane studente dell’Università di Bologna. Lo rivela in una nota Dmitrij Palagi, consigliere del gruppo Sinistra Progetto Comune, che in giornata ha incontrato il sindaco Dario Nardella.

LEGGI ANCHE: Egitto, Patrick Zaki resta in prigione

zaki firenze palazzo vecchio

“Lo ringrazio per la disponibilità dimostrata oggi, dopo mesi di comunicati stampa, atti e interlocuzioni con la giunta. Durante l’incontro c’è stata l’occasione di ricordare la richiesta precisa del Consiglio e il sindaco si è impegnato a garantire una soluzione in questo senso. Era tutto quello che chiedevamo da mesi, quindi il nostro gruppo può solo ringraziare chi ci ha aiutato in queste settimane e mesi, chi non ha mai smesso di mobilitarsi e ovviamente Gianluca Costantini, il cui disegno accompagna le nostre attività e i nostri striscioni da molto tempo”.

LEGGI ANCHE: L’appello di Scarlett Johansson: “Liberate Zaki e chi lotta per la dignità”

Intanto, continua Palagi, al “quartiere 1 oggi è stato appeso lo striscione preparato grazie all’azione del nostro gruppo consiliare, con Giorgio Ridolfi e Francesco Torrigiani. Al Q2 sarà fatto lo stesso, non appena sarà pronto quello realizzato grazie a Lorenzo Palandri e Francesco Gengaroli”. E “da oggi sappiamo che non sarà necessario consegnare al Sindaco quello che stavamo preparando per il Comune di Firenze”.

LEGGI ANCHE: Egitto, liberi tre dirigenti della ong di Zaki

“Battaglie come questa uniscono anche posizioni politiche diverse- scrive il sindaco Nardella in un tweet-. Con il consigliere Palagi condividiamo l’ennesimo appello per la sua liberazione. Alla vigilia della Giornata dei diritti umani Firenze alza la sua voce”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»