Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Bassetti: “Molto probabile che a gennaio arrivi una terza ondata”

matteo bassetti
Secondo l'infettivologo, a breve si mischieranno le infezioni da SarsCoV-2 con l’influenza stagionale, occorre quindi fare molta attenzione ora per scongiurare i contagi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – “Che ci sarà una terza ondata è molto probabile, anche perché a gennaio si mischieranno le infezioni da SarsCoV-2 con l’influenza stagionale. Occorre, quindi, porre particolare attenzione ai nostri comportamenti individuali: meglio ci comporteremo già da ora e non solo nelle festività, minori saranno i contagi e i problemi ospedalieri post-natalizi”. Così, in un post su Facebook, Matteo Bassetti, il responsabile della clinica di Malattie infettive del policlinico San Martino di Genova.

LEGGI ANCHE: Il virologo Bassetti: “Il Natale è sacro, il Governo avrebbe dovuto concederlo con il distanziamento”

“IL PROBLEMA NON SONO STATE LE VACANZE ESTIVE”

L’infettivologo torna, poi, sulla polemica per le maglie troppo larghe lasciate quest’estate: “Il professor Roberto Battiston ha fatto una precisa e dettagliata analisi sull’evoluzione del contagio da SarsCov-2 in Italia negli ultimi 10 mesi. Ha finalmente chiarito che l’estate e i suoi eccessi hanno solo parzialmente contribuito all’aumento dei casi di questo autunno-inverno. Ciò che ha fatto da moltiplicatore è stato il ritorno alla vita normale e produttiva della fine di settembre, fatta di scuola, trasporti affollati e altre attività correlate”. Per cui, conclude il presidente della Società italiana di terapia antinfettiva, “sarebbe ora di finirla di continuare a dare tutta la colpa della seconda ondata a chi è andato giustamente in vacanza. Non è dando la colpa a uno o all’altro che si risolve il problema, ma cercando di imparare da eventuali errori commessi per non commetterli nuovamente”.

LEGGI ANCHE: Covid, Bassetti: “Mi vaccinerei oggi, il Governo si dissoci da Crisanti”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»