VIDEO | Acquaroli: “Chiamerò Speranza per cambiare il dpcm”

francesco acquaroli
ANCONA - Il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, chiamerà
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, chiamerà il ministro della Salute, Roberto Speranza, per chiedere una modifica all’ultimo Dpcm relativo all’emergenza sanitaria da Covid-19. “Oggi pomeriggio proverò a chiamare il ministro Speranza per chiedere se è possibile rimettere mano a questo Dpcm– dice Acquaroli-. Per chiedere ufficialmente, anche se tramite una telefonata, di poter avere da parte del Governo almeno un’audizione su queste questioni che ritengo siano paradossali in alcuni casi”.

LEGGI ANCHE: Il virologo Bassetti: “Il Natale è sacro, il Governo avrebbe dovuto concederlo con il distanziamento”

ACQUAROLI: “IL DPCM CREA DEI PARADOSSI”

Il governatore marchigiano descrive poi la caratteristica del territorio marchigiano fatto di tanti piccoli Comuni. “La richiesta numero uno è quella di applicare la logica del buon senso– continua Acquaroli-. Noi abbiamo alcuni territori dove nel lato destro di una strada provinciale c’è un Comune mentre nel lato sinistro della stessa strada ce n’è un altro. In base al Dpcm noi chiederemmo ai nostri cittadini il 25-26-31 dicembre di non attraversare la strada: sono dei paradossi a cui dobbiamo mettere mano per non cadere nel ridicolo. Un conto è mettersi in sicurezza rispettando tutte le misure precauzionali mentre un conto è scendere nel ridicolo”. L’ex parlamentare di Fratelli d’Italia specifica poi che “il rischio che si va ad innescare in alcune situazioni è un rischio praticamente inesistente” ed inoltre che “paragonare uno dei tanti borghi del nostro entroterra con una grande città è sbagliato di principio”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Dpcm Natale, Conte: “No a spostamenti tra i Comuni il 25-26 dicembre e a capodanno. Raccomandiamo festività solo con i conviventi”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»