Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, l’allarme delle ong: “Nei Paesi poveri 9 persone su 10 rischiano di restare senza vaccino”

Oltre la metà dei prodotti principali è stata già acquistata dai Paesi più ricchi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Brando Ricci

ROMA – In quasi 70 Paesi a basso reddito nove cittadini su dieci rischiano di non avere accesso al vaccino contro il Covid-19. Oltre la metà dei prodotti principali è stata già acquistata dai Paesi più ricchi, dove vive meno di un sesto della popolazione mondiale. A calcolarlo è la People’s Vaccine Alliance, una coalizione di organizzazioni non governative tra le quali figurano Oxfam e Amnesty international. Gli esperti hanno analizzato gli accordi raggiunti in tutto il pianeta con le aziende produttrici degli otto prodotti più prossimi a una commercializzazione, tra i quali quello messo a punto dalle aziende Pfizer e Biontech che il Regno Unito ha iniziato a distribuire ieri per le fasce più a rischio.

LEGGI: Covid, Sileri: “In Italia il 13% delle dosi di vaccino che arriveranno in Europa”

Covid, la Gran Bretagna è il primo Paese ad autorizzare il vaccino Pfizer

Ue, Conte annuncia misure comuni per il Natale. Von Der Leyen: “Da Moderna 160mln di dosi vaccino”

Dall’indagine emerge che almeno 67 Paesi a medio e basso reddito, tra i quali ci sono Kenya, Nigeria e Ucraina, rischiano di poter vaccinare un numero esiguo di abitanti. A oggi il 96 per cento delle dosi del farmaco di Pfizer/Biontech è stato acquistato dai Paesi a più alto reddito. Secondo l’alleanza delle ong, il vaccino elaborato dall’azienda americana Moderna probabilmente sara’ distribuito solo nei Paesi ricchi. Allo stato attuale l’unico vaccino che promette di essere distribuito nelle regioni in via di sviluppo e’ quello realizzato dall’Universita’ di Oxford con la multinazionale svedese AstraZeneca, piû accessibile sia in termini di costi che di condizioni richieste per lo stoccaggio. Il rimedio ha dimostrato di avere un’efficacia media del 70 per cento, circa 25 punti in meno sia di quello realizzato da Pfizer e Biontech che da quello Moderna. “A nessuno dovrebbe essere impedito di avere un vaccino che salva la vita solo per via del Paese in cui e’ nato o dei soldi che ha nel portafoglio” ha commentato la responsabile delle politiche sanitarie di Oxfam, Anna Marriott.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»