Boschi contro Lilli Gruber: “Per lei è più importante parlare delle mie foto che del Recovery Fund”

Ospite ieri sera di 'Otto e Mezzo', la deputata di Italia Viva lamenta di essere stata sempre interrotta e ringrazia gli utenti del web per il sostegno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Grazie a tutti per i commenti di solidarietà dopo #Ottoemezzo. Quando cercavo di parlare di contenuti venivo sempre interrotta: per Lilli Gruber più importante parlare delle mie foto che non dei 200 miliardi del #RecoveryFund. Mi spiace per gli ascoltatori”. Maria Elena Boschi non ci sta, e su Twitter attacca  la giornalista Lilli Gruber per come si è svolta l’intervista che ieri l’ha vista protagonista su La7.  “Io e il mio fidanzato abbiamo abbassato la mascherina un minuto per farci un selfie. Penso sia normale, essendo ormai congiunti, stiamo insieme. Ma avevamo la mascherina, era solo abbassata, l’abbiamo sempre e rispettiamo le regole” ha dichiarato nel corso del programma, replicando alle polemiche nate dal servizio del settimanale Chi, che ha pubblicato delle immagini della deputata di Italia Viva insieme al fidanzato, Giulio Berruti, in un parco abbracciati, con la mascherina abbassata.

RECOVERY, BOSCHI: “NON VOGLIAMO CRISI MA CONTE SIA RESPONSABILE”

Riguardo a una possibile crisi di Governo Boschi ha spiegato: “Ovviamente noi ci auguriamo che non sia apra, ma come siamo stati e siamo responsabili noi, ci auguriamo che lo sia anche il presidente Conte e che ci ascolti”. “Conte sulla norma della governance non dice la verita’. Ma ne discuteremo quando arrivera’ in Parlamento”, ha aggiunto la deputata di Italia Viva. “A noi non interessa assolutamente aggiungere un nostro nome. Se il tema sono le poltrone, siamo disponibili a lasciare anche le nostre tre in consiglio dei ministri. Ma il tema che poniamo noi invece sono i 6 commissari tecnici, che si sostituiscono ai ministri. Noi chiediamo invece che i ministri facciano il proprio lavoro. Sono posizioni che portiamo avanti nell’interesse dei cittadini”, ha concluso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»