Conte alla prova del voto, mercoledì giornata cruciale per il governo

L'editoriale di Nico Perrone per DireOggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Occhi puntati su quanto accadrà in Parlamento mercoledì 11 dicembre. Quel giorno il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, si presenterà alla Camera e al Senato per le comunicazioni in vista del Consiglio europeo del 12 e 13 dicembre. Al termine ci saranno delle risoluzioni, della maggioranza e dell’opposizione, di approvazione o di bocciatura. Al centro c’è il Meccanismo europeo di stabilità, meglio conosciuto come “salva Stati”, punto delicato sul quale la Lega e la destra stanno facendo di tutto per affossarlo. Anche nel M5S, a questo riguardo, sono state espresse numerose perplessità. Facile il passaggio alla Camera, dove la maggioranza ha un grande vantaggio; più difficile la partita del Senato dove i voti di scarto sono davvero pochi. Che farà Conte? Facile pensare che la prenderà alla larga, parlerà di tutte le questioni europee aperte non solo del Mes. Su questo dirà il minimo, insistendo sul fatto che il Mes farà parte di un pacchetto più ampio di misure e che sarà certamente migliorato. Gli uffici sono già all’opera per mettere a punto un testo condiviso per sventare qualsiasi incidente che avrebbe conseguenze clamorose. Per quanto riguarda il confronto tra Pd e M5S oggi il presidente Conte ha accolto la proposta avanzata da Goffredo Bettini, molto vicino al segretario del Pd, Nicola Zingaretti, per una verifica a gennaio sul futuro del Governo. In quella sede le forze politiche dovranno stilare un programma preciso delle cose da fare nei prossimi anni e su quello poi votare. Perché, ha precisato Bettini “non possiamo stare appesi a Di Maio e Renzi”. Sabato poi, in piazza San Giovanni a Roma, ci sarà la manifestazione nazionale del popolo delle ‘sardine‘, che dopo aver contestato Salvini nelle città italiane, si riprende la tradizionale piazza della sinistra, presentandosi come un vero e proprio soggetto politico di cui tutti dovranno tener conto. Soprattutto nel Pd.

DIREOGGI | EDIZIONE DEL 9 DICEMBRE 2019

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»