Legambiente contro il deposito gpl di Manfredonia

Nel 2016 la popolazione aveva espresso dichiaratamente il proprio 'no' all'impianto attraverso un Referendum consultivo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Legambiente Puglia ribadisce la propria contrarietà alla costruzione deposito Gpl dell’Energas nel cuore del Golfo di Manfredonia”. È quanto si legge in una nota diffusa dall’associazione ambientalista che ricorda come “negli ultimi giorni – continua Legambiente – si è appreso di una lettera di Confindustria Foggia, a governo e Regione Puglia, a sostegno del progetto di Energas a ridosso dell’area industriale di Manfredonia“.

La questione “lascia tutti perplessi poiché – dichiara il presidente di Legambiente Puglia Francesco Tarantini – il 13 novembre 2016 la popolazione aveva espresso dichiaratamente il proprio ‘no’ all’impianto attraverso un Referendum consultivo. In quell’occasione il 95% dei cittadini al voto, circa 26mila, si espressero in maniera contraria. Legambiente richiama tutti, allora, a rispettare la volontà popolare“.

Il Gpl, aggiunge Tarantini, “è inquinante come ogni altra fonte energetica proveniente dal petrolio, rientra fra le fonti energetiche ormai in declino ed è in contrasto ai principi ratificati dal Parlamento Europeo di COP21, che pone l’obiettivo di contenere al di sotto dei 2 gradi la temperatura del Pianeta, riducendo l’uso di fonti fossili. Il rilancio del Golfo di Manfredonia – conclude – non può passare per attività che mettono a rischio la salute dell’ambiente e delle persone”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»