Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Paura nel Mugello, terremoto di magnitudo 4,5: nella notte registrate 70 scosse

La scossa più forte alle 4,37 della notte a Scarperia San Piero (FI)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Paura in Toscana per un terremoto di magnitudo registrato a Scarperia San Piero, in provincia di Firenze, nel Mugello, alle 4,37 della notte. A darne notizia l’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia comunica che a partire dalle 20:38 di ieri domenica 8 dicembre fino alle 7 di questa mattina sono stati registrati in tutto settanta eventi sismici, di cui nove con magnitudo superiore o uguale a 3.0. La scossa piu’ forte e’ stata registrata alle 04.37 di oggi con una magnitudo di 4.5.

L’evento sismico, nettamente avvertito dalla popolazione, e’ stato localizzato tra i comuni di Scarperia e San Piero, Barberino del Mugello e Borgo San Lorenzo, tutti in provincia di Firenze. Il Dipartimento della Protezione Civile rimane in stretto contatto con le strutture locali del Servizio nazionale di protezione civile per un costante aggiornamento dell’evolversi della situazione.

Dai primi rilievi della protezione civile si segnalano edifici lesionati a Scarperia San Piero e a Barberino, ma non sono stati segnalati feriti. Dopo i controlli tecnici, inoltre, dalle 8.45 sono ripresi i collegamenti ferroviari dell’Alta Velocità.

“La scossa e’ stata abbastanza lunga, soprattutto la prima, sono caduti oggetti in un supermercato ma non abbiamo al momento verificato danni a persone o cose. Le notizie arrivano pero’ in modo frammentario”. Cosi’ Filippo Carla’ Campa, il sindaco di Vicchio, comune vicino all’epicentro delle scosse, racconta al giornale radio Rai il terremoto di questa mattina. “La popolazione si e’ riversata nelle piazze, proprio quest’anno ricorre il centesimo anniversario del terremoto che nel 1919 distrusse il Mugello”, ricorda.

NEL MUGELLO NESSUNO FERITO, MA INTERVENTI CRISI PANICO

A seguito delle numerose scosse sismiche di questa notte nel Mugello, la piu’ forte di magnitudo 4.5, la protezione civile nazionale ha attivato l’unita’ di crisi. Da poco si e’ conclusa la riunione in videoconferenza presieduta dal responsabile del dipartimento, Angelo Borrelli.

Dalle notizie fin qui acquisite non risultano feriti, ma lo spavento nella popolazione e’ stato fortissimo al punto che i sanitari sono dovuti intervenire nei comuni interessati dal terremoto per placare crisi di panico. Lesioni, invece, sono stati riscontrate alla chiesa di San Silvestro a Barberino, l’unico edificio al momento chiuso.

È in corso da parte dei vigili del fuoco, ai quali sono giunte in queste ore piu’ di 70 richieste di intervento, la verifica di stabilita’ degli altri immobili dell’area. In considerazione della possibilita’ che alcuni di questi restino nell’immediato inagibili, viene riferito in una nota della Regione, sono in corso le valutazioni del centro di coordinamento con metrocitta’ e prefettura (Ccs) e i centri operativi comunali (Coc) per individuare sistemazioni di emergenza.

RIPRENDE CIRCOLAZIONE TRENI AV, CONTROLLI SU REGIONALI

Sta tornando alla normalita’ la circolazione dell’alta velocita’ fra Bologna e Roma e anche quella dei treni regionali e intercity in direzione Roma. A seguito del terremoto di stanotte nel Mugello le linee erano state fermate per dei controlli precauzionali da parte di Rete ferroviaria italiana sugli impianti di circolazione. Sono ancora in corso, invece, i controlli lungo le linee per Pisa e Prato, mentre risulta bloccata la circolazione sulla tratta Faentina. Lo precisa la Regione Toscana in base a quanto comunicato da Rfi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»