Pd, Fedeli: “Basta parlare solo di noi, là fuori c’è un mondo”

"Congresso sì congresso no, Renzi sì Renzi no, con i 5 Stelle senza i 5 Stelle. Basta! Fuori c’è un mondo", dice la senatrice
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le alleanze sono importanti ma gli elettori non ci giudicheranno solo su questo bensì sulle proposte che sapremo mettere in campo per contrastare questo governo e costruire un’alternativa forte, seria, credibile”. Lo afferma la senatrice del Pd Valeria Fedeli. 

“Da mesi, tolta la contromanovra messa a punto da Pier Carlo Padoan, come Partito democratico ci ritroviamo all’angolo delle nostre stesse ossessioni: congresso sì congresso no, Renzi sì Renzi no, con i 5 Stelle senza i 5 Stelle. Basta! Fuori c’è un mondo: donne, uomini, giovani, imprese, lavoratori. Invece di trascorrere tutto il nostro tempo a discutere di noi, dovremmo iniziare a parlare di loro e con loro. Riannodiamo i fili del dialogo con tutti i soggetti della rappresentanza sociale, economica, del terzo settore e delle associazioni civiche. Ripartiamo dall’idea di futuro che abbiamo per l’Italia e l’Europa, dalle proposte per far crescere lavoro e imprese, per contrastare davvero le tante e diverse povertà, per sostenere i necessari investimenti nella filiera del sapere, nell’economia sostenibile, nelle infrastrutture. Nomi, alleanze, scissioni interessano molto meno di quanto debba interessarci il futuro dell’Italia”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»