Como, Boldrini: “Tutte le forze politiche dovrebbero unirsi contro il fascismo”

'Mi sorprende che qualcuno possa considerare il fascismo una cosa non pericolosa'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – “Tutte le forze politiche democratiche dovrebbero fare fronte comune contro chi si richiama a quel regime che fu di sopraffazione, di annientamento dei diversi, di discriminazione nei confronti delle donne”. Laura Boldrini, presidente della Camera, lo dice in un’intervista a ‘Repubblica’.

“Mi sorprende che qualcuno possa considerare il fascismo una cosa non pericolosa- prosegue Boldrini- E trovo molto preoccupante che ci sia chi non considera un problema la propaganda fascista. La proposta di legge Fiano che la vieta, ora al Senato, è opportuna in un momento in cui frange molto aggressive pretendono di intimidire gruppi sociali o giornali. Quelle norme leggono il tempo che viviamo”.

I valori della Resistenza “sono per me la nostra identità. Devono essere non solo ricordati, ma rinvigoriti in un tempo come questo in cui invece, purtroppo, i gruppi neofascisti si moltiplicano, si allargano, diventano più arroganti e più violenti. Credo che questo pericolo sia stato troppo a lungo sottovalutato- spiega la presidente della Camera- Io non l’ho mai considerato secondario”.

Quanto accaduto a Como “è l’ennesimo episodio di una lunga serie”, dice Boldrini, e “una Repubblica democratica non può consentire che tutto questo avvenga. Questi gruppi neofascisti vanno contrastati non solo per tutelare la memoria, ma perché rappresentano un pericolo per il presente e per il futuro, perché diffondono odio, violenza, razzismo e xenofobia e aggrediscono anche la libertà d’informazione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»