Zingaretti: “Ospedale di Monterotondo è una realtà importante”

Il presidente della Regione Lazio visita l'ospedale di Monterotondo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MONTEROTONDO (RM) – “Nel 2010 fu decisa la chiusura di tre ospedali della provincia di Roma, Bracciano, Subiaco e appunto Monterotondo. Noi li abbiamo riaperti tutti e tre e su tutti stiamo investendo risorse finanziarie“. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, in visita presso l’ospedale di Monterotondo insieme al sindaco Mauro Alessandri, a Vitaliano de Salazar, direttore generale Asl Roma 5, al presidente del Consiglio regionale del Lazio, Daniele Leodori, e al consigliere regionale Marco Vincenzi.

“Per Monterotondo è molto importante- ha aggiunto- perché è una realtà ospedaliera molto sentita dai cittadini, abbiamo investito milioni rifacendo totalmente il Pronto soccorso e oggi inaugurando una struttura all’avanguardia e molto competitiva. E’ importante prima di tutto perché si dimostra che si può cambiare costruendo, che gli impegni vanno mantenuti e noi lo abbiamo fatto, e che si possono tenere a posto i conti non tagliando i servizi ma cambiando e tagliando gli sprechi”.

La riapertura di Monterotondo è assolutamente compatibile con i positivi bilanci economici della sanità del Lazio. Oggi è dunque una giornata importante per Roma e la sua provincia- ha concluso Zingaretti- perché c’è più buona sanità ed è un altro tassello del fatto che stiamo uscendo dal commissariamento”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»