Migranti, allarme dell’Unicef: “Il Mar Egeo sta diventando la tomba di troppi bambini”

E' di questa mattina la tragica notizia di un barcone di migranti rovesciatosi di fronte alle coste della Turchia. Undici persone sono morte, tra cui 5 bambini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

tragedia_mar egeoROMA – “Il Mar Egeo oggi, come le nostre coste fino a ieri, sta diventando la tomba di troppi bambini. Non possiamo piu’ permetterlo” dichiara Andrea Iacomini, portavoce Unicef Italia, commentando la tragica notizia di un barcone di migranti rovesciatosi questa mattina di fronte alle coste della Turchia. Undici persone sono morte, tra cui 5 bambini.

“Non ne possiamo piu’ di leggere frasi come ‘ennesima tragedia nel mar Egeo’. Oggi hanno perso la vita 5 bambini, ieri altri sei tra cui un neonato e cosi’ ogni settimana senza. Non riusciamo nemmeno piu’ a contare il numero dei naufragi, dei morti, dei migranti che hanno perso tutto nel tentativo di raggiungere l’Europa solcando questa porzione di mare tra la Grecia e la Turchia. Ogni settimana, ogni giorno muoiono dei bambini in mare. Questa situazione e’ sotto gli occhi di tutti – continua Iacomini – ed e’ vergognoso che, nonostante siano mesi che notizie del genere rimbalzino sui mezzi di comunicazione, nessuno faccia qualcosa per mettere fine a questa ecatombe. Mi rivolgo a tutti i vertici politici e istituzionali d’Europa e del nostro Paese in nome del Giubileo della Misericordia iniziato ieri, poniamo fine a questo scempio senza precedenti”.

Nel mondo sono 232 milioni i bambini costretti a vivere in zone e regioni coinvolte nei conflitti armati. Circa 250 mila bambini e bambine hanno dovuto imbracciare un’arma. La loro unica speranza e’ arrivare in Europa, “stiamo togliendo loro anche questa” conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»