Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Paolo Sorrentino e Antonio Capuano ospiti al Cinema Troisi di Roma

Sabato 13 novembre, alle ore 16.30, in occasione della proiezione di 'Polvere di Napoli' che apre la retrospettiva dedicata a Capuano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Chi ha avuto modo di vedere ‘È stata la mano di Dio‘ all’ultima Mostra di Venezia, sa quanto importante sia stato, nella formazione del Premio Oscar Paolo Sorrentino, un autore che, come dichiara lo stesso regista, “mi ha trasmesso la gioia di fare cinema”. Quell’autore è Antonio Capuano, e a lui – in attesa di programmare dal 24 novembre ‘È stata la mano di Dio’ (prevendite disponibili da oggi su https://cinematroisi.it/), con uscita su Netflix il 15 dicembre – il Cinema Troisi vuole dedicare un omaggio, che si apre sabato 13 novembre, alle ore 16.30, con la proiezione di Polvere di Napoli (1998), alla presenza dello stesso Capuano e di Paolo Sorrentino, che di quel film fu co-sceneggiatore. L’omaggio proseguirà fino all’11 Dicembre. “È stata la mano di Dio” ha inoltre appena ricevuto tre candidature agli European Film Awards 2021 per miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura.

LEGGI ANCHE: ‘È stata la mano di Dio‘ di Sorrentino rappresenterà l’Italia agli Oscar

RECENSIONE ‘È STATA LA MANO DI DIO’ | Sorrentino: “A cinquant’anni mio dolore diventa film”

Ex scenografo, nel 1991 Antonio Capuano irrompe nel panorama del cinema italiano con Vito e gli altri, primo “racconto crudele della giovinezza” cui seguiranno, negli anni, altri ritratti di giovani e giovanissimi, da Pianese Nunzio, 14 anni a maggio a La guerra di Mario. Un autore “pieno di rigore e di fervore, che al tempo stesso spaventa e attrae”, così lo descrive il pressbook di È stata la mano di Dio. Un cineasta “spericolato”, ci sentiremmo di aggiungere: per la capacità di accendere di fiammeggianti toni mélo la durezza di certi squarci di realtà, per il coraggio di misurarsi con temi urticanti, persino disturbanti; per l’incoscienza di confrontarsi con archetipi e modelli forse impossibili (L’oro di Napoli di Marotta e De Sica per Polvere di Napoli; Shakespeare ed Eschilo per Luna rossa). Così in un comunicato l’Ufficio stampa Piccolo America – Cinema Troisi.

 “Nel film- spiega Sorrentino- il dialogo con Capuano è una combinazione delle molte conversazioni che abbiamo avuto, non soltanto lavorando insieme, ma anche nel corso della nostra lunga amicizia. Riassume con precisione il tipo di essere umano che è Capuano – un individuo che amo e odio al tempo stesso, perché ha questo suo modo di provocarmi a disvelare me stesso, a essere completamente nudo sul piano emotivo e a rivelare quello che realmente sono. È bello e raro incontrare una persona come lui, ma implica anche un grosso sforzo per qualcuno come me”. Sorrentino continua: “L’incontro con Capuano è una scossa. Capuano è una persona che non è mai rassicurante, non ama le chiacchiere insulse né i convenevoli. Si rivela decisivo nell’alimentare il coraggio, non soltanto di fare il cinema, ma di farlo con valore”.

“Paolo Sorrentino venne al Cinema America Occupato nel 2013 presentando la proiezione di ‘La dolce vita’ di Fellini- dichiara Valerio Carocci, Presidente del Piccolo America- mentre in sala usciva ‘La grande bellezza’, opera con la quale vinse poi il Premio Oscar come miglior film straniero. La sua presenza assieme ad Antonio Capuano al Cinema Troisi è per noi un grande onore, com’è un grande piacere omaggiare Capuano con una retrospettiva a lui dedicata che affiancherà le prime settimane di uscita di ‘È stata la mano di Dio’, in programmazione al Cinema Troisi dal 24 Novembre. Paolo c’è sempre stato, passando per Piazza San Cosimato e aiutandoci a superare innumerevoli ostacoli, con discrezione e senso critico non ci ha mai fatto mancare un confronto costruttivo. È stato il primo regista Premio Oscar al Cinema America Occupato e sarà anche il primo al Cinema Troisi!”. Dopo Polvere di Napoli, l’omaggio ad Antonio Capuano prosegue dal 21 novembre all’11 dicembre Pianese Nunzio, 14 anni a Maggio (21 novembre), Luna Rossa (28 novembre), La guerra di Mario (5 dicembre) e si conclude con l’ultima opera realizzata dal regista Il buco in testa (11 Dicembre). 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»