Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La violenza sulle donne? Identica nei secoli, lo dimostra uno studio Unimi

Uno studio su alcune ossa risalenti tra il 1500 e il 1700 dimostra che la percentuale di donne maltrattate è paragonabile a quella di oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La violenza domestica non è diminuita nel corso dei secoli. Anzi, la percentuale statistica delle donne maltrattate è più o meno uguale nel civilizzato terzo millennio e nella metà del millennio precedente”. Lo ha detto il rettore dell’università Statale di Milano Elio Franzini durante la conferenza stampa di presentazione del protocollo siglato dal suo ateneo con la Questura per la promozione di percorsi di recupero a favore di uomini autori di violenze.

Franzini ha accennato alla stampa, riunita in sala Scrofani di via Fatebenefratelli, i risultati di uno studio che sta conducendo “una collega di Unimi, Cristina Cattaneo” la quale è attualmente impegnata in “uno scavo su alcune ossa ritrovate nella cripta dell’ex ospedale Maggiore”, ovvero la chiesa dell’Annunziata annessa alla Statale di Milano. Queste ossa, risalenti a un periodo stimabile tra il 1500 e il 1700, riporterebbero, ha spiegato il rettore, “segni evidenti di maltrattamento”: a riprova del fatto che, ha concluso, “le violenze domestiche e di genere sono mali che da troppi secoli perseguitano l’umanità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»